top of page

La chirurgia mininvasiva della colonna vertebrale riduce l'incidenza di rottura durale


minimal_invaziv_omurga_cerrahisi_dura_yirtilmasi

Una nuova ricerca mostra che la chirurgia mininvasiva della colonna vertebrale si traduce in un'incidenza significativamente inferiore di rottura durale e complicanze rispetto alla chirurgia a cielo aperto nei pazienti con patologie degenerative lombari.

Lo studio, i cui risultati sono stati presentati da Ayush Sharma (Dr. BAM Hospital, Mumbai, India) alla riunione annuale del Global Spine Congress (3-6 novembre 2021, Parigi, Francia), includeva 420 casi di patologia degenerativa lombare operati. con almeno sei mesi di follow-up prospettico. I casi sono stati divisi in gruppi di chirurgia aperta e minimamente invasiva (MIS).

C'erano 156 pazienti che hanno subito un intervento chirurgico MIS, rispetto a 264 che hanno subito un intervento chirurgico a cielo aperto. La maggior parte dei partecipanti allo studio aveva un'età compresa tra 41 e 60 anni (48% nei pazienti con MIS e 64,4% nei casi aperti). La durotomia accidentale è stata documentata in 52 (12%) casi.

Quando i due gruppi sono stati confrontati, l'incidenza di lesione durale nel gruppo MIS (6,4%) era significativamente inferiore rispetto al gruppo aperto (15,7%; p<0,05). In un'ulteriore analisi, l'incidenza delle lesioni durali era comparabile tra i due gruppi per gli interventi di decompressione e fusione, a seconda del tipo di intervento chirurgico, mentre il gruppo MIS aveva una minore incidenza di lacrime durali per la discectomia e gli interventi di revisione. Perdita durale permanente o revisione pseudo-meningocele è stata eseguita in quattro pazienti nel gruppo aperto, ma nessuno dei pazienti nel gruppo MIS è stato sottoposto a chirurgia di revisione a causa di complicanze legate alla rottura durale.

Età, sesso e distribuzione dei fattori di rischio erano comparabili tra i due gruppi. L'incidenza di lacerazioni durali era significativamente più alta nei pazienti con un elevato indice di massa corporea (BMI) e diabete mellito e in quelli sottoposti a chirurgia di revisione, indipendentemente dall'approccio chirurgico (p<0,05).

Parlando a Spinal News International, Sharma ha dichiarato: "Durante la discectomia, l'approccio MIS prevedeva principalmente la flavectomia, o una piccola laminotomia in cui una piccola quantità di legamento rosso o lamina viene rimossa per avvicinarsi al disco. Nell'approccio aperto, la quantità di laminectomia o la flavectomia è relativamente grande.

"Questo potrebbe spiegare perché l'approccio MIS ha un minor rischio di rottura durale nei casi di discectomia. Anche per la chirurgia di revisione, l'approccio tubolare consente al chirurgo di bypassare il tessuto cicatriziale e la fibrosi della linea mediana, con conseguente riduzione delle possibilità di rottura accidentale della durale".

Comentários


Articoli più letti

ultimi post

bottom of page