top of page

Avatar per aiutare a personalizzare i trattamenti per il glioblastoma


Il glioblastoma è un tumore al cervello aggressivo e difficile da trattare negli adulti. In media, i pazienti sopravvivono solo 1,5 anni. Lo standard di cura per questa malattia, che comprende la chirurgia seguita da radioterapia e chemioterapia, non è cambiato in 18 anni. Ciò è in parte dovuto al fatto che il cancro è altamente variabile, con molte differenze tra le popolazioni di pazienti. In secondo luogo, queste cellule tumorali ingannano anche subdolamente il corpo: reclutano persino cellule immunitarie chiamate macrofagi per aiutarle. In terzo luogo, sono inaccessibili alla maggior parte dei farmaci antitumorali, che hanno solo una capacità limitata di penetrare nei tessuti cerebrali. Oltre al trattamento standard, gli oncologi stanno testando farmaci su pazienti affetti da glioblastoma senza alcuna garanzia che funzionino, spesso accompagnati da effetti collaterali negativi.


Questi pazienti hanno davvero bisogno di nuovi trattamenti", ha affermato il professor Holger Gerhardt, autore senior dello studio e vicedirettore scientifico del Centro Max Delbrück di Berlino. dice. "È molto importante identificare i pazienti che rispondono e che non rispondono a un particolare trattamento.


L'autrice principale e ricercatrice sul cancro Lise Finotto presso il Centro VIB-KU di biologia del cancro di Leuven in Belgio e precedentemente presso il Centro Max Delbrück, e i suoi collaboratori senior Gerhardt e il professor Frederik De Smet della KU Leuven, hanno creato una piattaforma di screening. possono essere sviluppati per trovare nuovi bersagli per i farmaci contro il glioblastoma. Può anche essere utilizzato per verificare se un particolare paziente risponderà al trattamento. Studia "EMBO Molecular Medicine" È stato pubblicato sulla rivista.


Per comprendere come i macrofagi potrebbero interagire con le cellule di glioblastoma di diversi pazienti, i ricercatori hanno creato degli "avatar" di pesci zebra. hanno creato. Il laboratorio di Gerhardt lavora ampiamente con il pesce zebra. Questi pesci lunghi tre centimetri sono considerati buoni organismi modello perché i loro embrioni sono traslucidi e consentono di osservare cosa succede al loro interno.


Una sopravvivenza inaspettata


Finotto ha studiato le cellule staminali di glioblastoma di sette pazienti raccolte dagli scienziati nel laboratorio De Smet, che aveva creato una banca di tessuti viventi di campioni di glioblastoma. Iniettandoli negli embrioni di pesce zebra, ha creato modelli di xenotrapianto, un avatar per ogni paziente. Quando ha ripreso le immagini degli embrioni dal vivo, è diventato chiaro che le cellule di glioblastoma si adattavano bene al loro nuovo ambiente. Ha scoperto che il sistema immunitario del pesce zebra inviava macrofagi come parte della risposta immunitaria per controllare il tumore. Tuttavia, come è tipico nel glioblastoma, i macrofagi sono stati soppressi. I tumori hanno vari meccanismi per riprogrammare i macrofagi per aiutarli a crescere.


Finotto ha affermato: "Volevamo imparare come trasformare i macrofagi in uno stato in grado di attaccare i tumori". dice. E un indizio è emerso quando hanno notato che il tumore di un paziente non sopprimeva la normale risposta dei macrofagi.


De Smet della KU Leuven ha dichiarato: "Dopo aver esaminato più da vicino i dettagli medici, questo paziente è stato considerato un 'sopravvissuto a lungo termine.' "Abbiamo scoperto che è quello che diciamo che sia." dice. "Questo è il termine usato per i pazienti affetti da glioblastoma, una forma estremamente rara di cancro al cervello, la cui sopravvivenza è superiore a cinque anni.


Piattaforma di prova


Finotto afferma che la curiosità nei confronti del paziente è la forza trainante del progetto. Quando hanno coltivato insieme cellule tumorali e macrofagi ed eseguito il sequenziamento dell'RNA di singole cellule, hanno appreso che il gene LGALS1 era sottoregolato nel tumore del sopravvissuto a lungo termine rispetto agli altri. Studi precedenti hanno anche dimostrato che il silenziamento di LGALS1 nelle cellule di glioblastoma può comportare una sopravvivenza più lunga.


Gli scienziati hanno confermato i loro risultati eliminando il gene nel campione di un altro paziente e hanno osservato che il tumore diventava meno invasivo nei modelli di pesce zebra.


Finotto afferma che questa piattaforma può essere utilizzata per identificare bersagli promettenti diversi da LGALS1 nel trattamento del glioblastoma. E con qualche perfezionamento, gli avatar dei pesci zebra possono essere usati per determinare quali trattamenti funzioneranno. Gerhardt afferma che i ricercatori potrebbero essere in grado di trovare le cellule che causano la regressione del tumore studiando se le cellule tumorali di pazienti specifici inoculati nel pesce zebra rispondono quando trattate con vari farmaci.


De Smet ha affermato: "Dotati di queste informazioni, possiamo informare gli oncologi e aiutarli a prendere decisioni terapeutiche più supportate per il paziente". dice.

Commentaires


Articoli più letti

ultimi post

bottom of page