top of page

Aumento dell'incidenza di emorragia cerebrale negli anziani, rileva lo studio


L'incidenza di emorragie cerebrali, chiamate emorragie intracerebrali, è rimasta stabile in tutti i gruppi di età negli ultimi 30 anni, ma è aumentata nelle persone di età pari o superiore a 75 anni, secondo una nuova analisi dello studio Framingham Cardiology. I risultati sono disponibili in JAMA Neurology.

Anche l'uso di anticoagulanti negli anziani è triplicato durante questo periodo, ma gli autori hanno messo in guardia dall'usarne troppo.


“Non stiamo sostenendo che le persone smettano di assumere statine o anticoagulanti. Questi trattamenti riducono il rischio di ictus ischemico, che rappresenta circa nove ictus ogni 10, mentre l'emorragia intracerebrale si verifica in uno".

Dott. Sudha Seshadri, neurologa presso la Long School of Medicine presso l'Health Science Center dell'Università del Texas a San Antonio


D., ricercatore senior presso il Framingham Study of Cardiology e UT Health San Antonio. Seshadri ha affermato che il sistema sanitario vedrà probabilmente un aumento del numero di pazienti con emorragie cerebrali a causa dell'aumento dell'aspettativa di vita e dell'invecchiamento della popolazione.


Imaging e farmaci

D., neurologo dell'ictus presso il Beth Israel Deaconess Medical Center e la Harvard Medical School, l'autore principale del rapporto. Il progetto Vasileios-Arsenios Lioutas ha creato lo studio per valutare le tendenze nell'incidenza dell'emorragia intracerebrale in 10.333 partecipanti a Framingham dal 1948 al 2016. Durante il follow-up dello studio, 129 hanno manifestato emorragie in quest'area.

Ha suddiviso gli anni in tre periodi: 1948-1986, 1987-1999 e 2000-2016.

Dott. "Volevamo tenere conto dei cambiamenti negli approcci diagnostici e uno dei principali progressi è stata la scansione TC, che è entrata in uso intorno al 1980", ha affermato Liutas. disse. "Molte cose che in precedenza non erano state diagnosticate come emorragie potrebbero essere viste molto facilmente dopo".

La fine degli anni '90 ha visto un aumento della prescrizione di anticoagulanti come il warfarin, che, dopo una serie di prove, ha dimostrato di essere efficace nel prevenire i coaguli dalla fibrillazione atriale, un'anomalia del ritmo cardiaco. Negli anni 2000 sono state aggiunte più pratiche preventive e farmaci aggiuntivi.

Dott. "Una possibile spiegazione del motivo per cui stiamo assistendo a più sanguinamenti nei partecipanti più anziani di Framingham è che utilizzando questi anticoagulanti abbiamo prevenuto eventi avversi che potrebbero potenzialmente ucciderli all'inizio della vita", ha affermato Liutas. "Abbiamo allungato la loro vita e poi, poiché l'abbiamo fatto, hanno rischiato di sanguinare più avanti nella vita".

Dott. "È un po' un atto di equilibrio", ha detto Seshadri. disse. "Vogliamo stare attenti al messaggio che inviamo al riguardo. Le statine e gli anticoagulanti hanno valore nel prevenire eventi che cambiano la vita o fatali".


Il ruolo dell'ipertensione

Lo studio ha anche esaminato i fattori di rischio per due tipi di emorragia cerebrale. Le emorragie intracerebrali lobari si verificano più vicino alla superficie del cervello, mentre le emorragie intracerebrali profonde si verificano più in profondità all'interno della sostanza cerebrale e coinvolgono diverse strutture.

Nello studio, l'ipertensione, precedentemente ritenuta più importante come fattore di rischio per emorragie intracerebrali profonde, ha aumentato il rischio in entrambi i tipi.

Dott. Lioutas ha affermato che le emorragie intracerebrali profonde sono associate a cambiamenti nei vasi cerebrali molto piccoli a causa dell'esposizione prolungata all'ipertensione.

Le emorragie lobari mostrano anche cambiamenti nei piccoli vasi, ma i vasi sono vicini alla superficie del cervello. Si ritiene che i depositi di proteina amiloide, più noti per essere associati al morbo di Alzheimer, siano i colpevoli di queste emorragie.

Dott. "Come con la ricerca precedente, abbiamo scoperto che queste linee di demarcazione non erano molto chiare", ha detto Liutas. "Abbiamo scoperto che molte persone hanno anche l'ipertensione, specialmente nell'emorragia lobare, quindi ora crediamo che l'ipertensione abbia un ruolo nelle emorragie intracerebrali sia profonde che lobari".

Lo studio mostra che, sebbene i progressi clinici abbiano avuto successo nel ridurre i tassi di ictus nei paesi sviluppati, il declino riguarda principalmente gli ictus correlati al coagulo, non gli ictus emorragici.

Dott. "Abbiamo visto un aumento delle emorragie intracerebrali nella popolazione anziana di Framingham negli Stati Uniti e in un gruppo demografico che è cresciuto in tutto il mondo di anno in anno", ha affermato Seshadri. "Dobbiamo trovare nuovi modi per prevenire questi ictus e, allo stesso tempo, il sistema sanitario dovrebbe essere preparato a trattare più emorragie in futuro".


コメント


Articoli più letti

ultimi post

bottom of page